Invitiamo gli utenti che hanno disabilità visiva a leggere la sezione informativa sull'accessibilità del presente sito per usufruire al meglio dei servizi messi a disposizione dal comune di Caselle Torinese - 
Salta ai contenuti della pagina Salta al menù delle sezioni
Home » EMERGENZA CORONAVIRUS "FASE 2" - AUTORIZZAZIONE DELL'ASPORTO NELLA RISTORAZIONE DAL 4 MAGGIO
Ultimo aggiornamento il 01/05/2020

EMERGENZA CORONAVIRUS "FASE 2" - AUTORIZZAZIONE DELL'ASPORTO NELLA RISTORAZIONE DAL 4 MAGGIO

Firmato dal Presidente Cirio il DPGR 49/2020 in merito alla ristorazione da asporto

DISPOSIZIONI PER GLI ESERCENTI
Gli esercenti dovranno garantire, oltre al rispetto delle disposizioni del DPCM, le seguenti ulteriori disposizioni:
- in attesa dell'ingresso, la distanza minima in coda deve essere di 2 metri;
- il ritiro dei prodotti ordinati deve avvenire per appuntamenti dilazionati nel tempo, allo scopo di evitare assembramenti all'esterno, e consentendo nel locale la presenza di un cliente alla volta, assicurando che permanga il tempo strettamente necessario alla consegna e sempre rispettando le misure di cui all'allegato 5 del DPCM 26 aprile 2020;
- allo stesso modo è consentito l'asporto in quegli esercizi di ristorazione per i quali sia prevista la consegna al cliente direttamente dal veicolo;
- ogni cliente, così come il personale in servizio, dovrà indossare una mascherina;
In ogni atto e movimento, gli individui presenti nei locali dell'esercizio dovranno mantenere la distanza minima di 2 metri.
 

 
DA QUANDO E CON CHE ORARI
Da lunedì 4 al 17 maggio con orario dalle 6 alle 21.
L'attività potrà essere avviata dandone comunicazione al Comune a mezzo mail al seguente indirizzo:      attivitaeconomiche@comune.caselle-torinese.to.it 

 
POTERI DEI SINDACI IN CASO DI INOSSERVANZA DELLE DISPOSIZIONI
È fatto salvo il potere del Sindaco di vietare sull'intero territorio comunale, o delimitare su parti di esso, tali attività se in presenza di specifiche motivazioni di carattere sanitario ovvero laddove non sia possibile assicurare il rispetto di quanto previsto dalle disposizioni di cui al richiamato DPCM ed alla presente ordinanza. In caso di inadempienza da parte delle singole attività di una delle richiamate prescrizioni, i Sindaci provvedono a revocarne immediatamente l'autorizzazione.
 

Leggi il DPGR

Scarica gli allegati