Invitiamo gli utenti che hanno disabilità visiva a leggere la sezione informativa sull'accessibilità del presente sito per usufruire al meglio dei servizi messi a disposizione dal comune di Caselle Torinese - 
Salta ai contenuti della pagina Salta al menù delle sezioni
Home » A RICORDO DELLA STRAGE DI CAPACI DEL 23 MAGGIO 1992
Ultimo aggiornamento il 22/05/2020

A RICORDO DELLA STRAGE DI CAPACI DEL 23 MAGGIO 1992

Partecipa al flash mob appendendo un lenzuolo bianco dal balcone di casa

Il 23 maggio 1992 alle 17.58 perdevano la vita nella  strage di Capaci il giudice antimafia Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta Vito Schifani, Antonio Montinaro e Rocco Dicilio. Fu un attentato di stampo terroristico - mafioso compiuto da Cosa Nostra. Gli attentatori fecero esplodere un tratto dell'autostrada A29 mentre vi transitava sopra il corteo della scorta con a bordo il giudice, la moglie e gli agenti di Polizia, sistemati in tre Fiat Croma blindate. Vi furono 23 feriti, fra i quali gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l'autista giudiziario Giuseppe Costanza. Sono passati 28 anni, ma il tempo non può e non deve farci dimenticare, anzi deve indurci a tenere sempre alta l'attenzione ad ogni forma di fenomeno mafioso. La mafia infatti muta costantemente la sua forma per non morire. Dobbiamo tenere alto il valore di uomini e donne che nella storia hanno combattuto per sconfiggere questo fenomeno. Ai tempi del coronavirus cambia il modo di ricordare la strage di Capaci:  La Nave della legalità non salperà, oramai è un ospedale per pazienti affetti dal virus, e piazze e cortei saranno sostituiti da lenzuola bianche appese a balconi e finestre. Il Pirellone, su proposta della Commissione Antimafia, sarà illuminato per tre giorni con la scritta: "Capaci 23-5-92" Alle 17.58 ci sarà il tradizionale momento del "Silenzio" sotto l'Albero Falcone, suonato da un trombettista della Polizia di Stato senza i cittadini.  La Fondazione Falcone, vista l'impossibilità di organizzare cortei e raduni, ha organizzato infine un flash mob invitando ad appendere un lenzuolo bianco dal balcone di casa e ad affacciarsi tutti insieme alle ore 18.00. Invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare esponendo un lenzuolo bianco al proprio balcone; il Miur e la Fondazione Falcone racconteranno il 23 maggio sui canali social attraverso gli hashtag #23maggio2020, #PalermoChiamaItalia #FondazioneFalcone e #ilcoraggiodiognigiorno.